Fai una Domanda
7
risposte
6 mesi fa
Ciao a tutti.
Sono inquilino in uno stabile di 9 condòmini.
Da oltre un anno non ricevo più alcuna comunicazione in merito alla ripartizione delle spese, alla convocazione dell'assemblea, ai bilanci periodici...
Considerando che sostengo oltre il 90% delle spese in quanto lo stabile è di nuova costruzione (non ci sono spese straordinarie) e considerando che in passato ho sempre ricevuto tutte le comunicazioni inerenti lo stabile (in quanto l'amministratore è in possesso di tutti i miei contatti), secondo voi è giusto essere tenuto fuori? L'amministratore dice che non è tenuto a farlo, ma devono farlo solo i proprietari. Considerando che i proprietari sono "diversamente giovani" e hanno difficoltà a ricordare le scadenze condominiali, è corretto un comportamento del genere? Quali sono gli obblighi dell'amministratore in tal senso?
Grazie a tutti coloro che vorranno darmi qualche prezioso consiglio.
tom
L'amministratore è revocabile per inadempienza e il giudice lo sostituirebbe con addebito delle spese legali.
chiedi il tutto in raccomandata, dandogli un termine per la risposta, e dopo al max 2 raccomandate, se non soddisfa le tue richieste , fatti assistere da altro amministratore o da un legale.
buona giornata
IS
6 mesi fa
mi permetto di aggiungere una precisazione: L'Amministratore è revocabile se non convoca la riunione entro il tempo limite di 2 anni; per cui tecnicamente ha tempo 24 mesi per fare la chiusura del bilancio, tuttavia è facoltà dei condomini chiedere di nominare un nuovo amministratore a prescindere dalle sue inadempienze
pensavo che il termine sia di 6 mesi...
3 mesi fa
Non mi risulta siano 2 anni. Sono 6 mesi. Curiosità se puoi... :perché se siete 9 tu sostieni il 90% delle spese?
3 mesi fa
Ciao a tutti.
Faccio un po' di chiarezza. L'amministratore ha regolarmente convocato l'assemblea (confermo che il tempo limite è di 180gg = 6 mesi; forse si fa confusione con il limite di 24 mesi per la redazione del bilancio?), ma senza convocare me che sono un inquilino (in affitto, per intenderci).
La cosa strana è che l'amm.re prima mi mandava tutti i resoconti e le rate da pagare, ora non mi considera più.
@ Ivan:
Lo stabile è di nuovissima costruzione, quindi non essendoci spese straordinarie, pago il 90% del totale da pagare tra me e il proprietario (che paga il 10%!)
A questo punto, dato che il patto verbale tra me e amm.re/proprietario è che io paghi il 50% della parcella dell'amm.re perché possa usufruire del servizio, non sarei più tenuto a pagarla!
Che ne dite?
3 mesi fa
Ciao, ribadisco che il rendiconto e l'assemblea vanno fatti entro 180 gg dalla chiusura dell'anno. Il mandato è biennale ma cmq con conferma della ri-nomina dopo il primo anno.
Come inquilino hai una partecipazione molto limitata alle decisioni condominiali.. per il resto grazie del tentativo di spiegazione ma hai reso il quadro ancora piu incomprensibile.
In ogni caso le spese vanno per millesimi sempre, quindi non so che dirti se vuoi chiamami non ho problemi a dare consulenze anche a voce. Ciao
3 mesi fa
@Ivan
Sinceramente non so in cosa sono stato poco chiaro. Ci riprovo. Sono un inquilino, perché in affitto, in uno stabile nuovissimo di 8 abitazioni. Pago le spese in base alle tabelle condominiali. Fino all'anno scorso ho ricevuto dall'amministratore la ripartizione delle spese, comprese quelle da ripartire con il proprietario. Il peso della quota che pago io è molto alto (circa 90%) rispetto alla quota che paga il proprietario che paga solo piccole spese (compenso amm.re al 50% con me!).
Quando ho chiesto lumi all'amm.re, mi ha risposto che non è tenuto a comunicarmi nulla: lo deve fare il proprietario. Mi sta bene, ma perché prima lo faceva senza problemi? Cosa è cambiato? A questo punto mi viene da non pagare più la mia quota del compenso dell'amm.re (50% con il proprietario) dato che non usufruisco di alcun servizio e dato che tale accordo era solo verbale. Se non è ancora chiaro, fammi avere un tuo contatto per parlarne a voce. Grazie per la pazienza.
3 mesi fa
Effettua il login per rispondere alla domanda